martedì 3 settembre 2019

Théatre de la mode

Ho appena finito di leggere " Il sarto di Parigi" di   Marius Gabriel    dove si racconta, tra l'altro,  dell'amicizia fra la protagonista, Copper (OonaReilly) e Christian Dior. Un bel libro, un affresco della Parigi degli anni 40, un libro che parla di amicizia, di amore, di situazioni del tempo di guerra. Un libro lieve, anche quando racconta cose tragiche.




Qualcosa che ho imparato da questa lettura:



L'industria della moda era una forza economica e culturale per la Francia  quando iniziò la seconda guerra mondiale. C'erano 70 case di moda registrate a Parigi e molti altri designer più piccoli. 


La guerra ebbe un grave impatto sul settore: molti stilisti avevano dovuto chiudere, i materiali scarseggiavano, i ricchi clienti andavano via.
Ma i francesi non potevano rassegnarsi al decadimento perchè la moda era la seconda industria nazionale, una grandissima fonte di lavoro, di afflusso di denaro e mantenerla in vita era un modo per risollevarsi dalle rovine della guerra.

  I tedeschi occupanti  avrebbero voluto spostare da Parigi a Berlino il centro del design europeo della moda; il regime nazista progettava di trasformare Berlino e Vienna nei centri della couture europea introducendo sussidi per i produttori di abbigliamento tedeschi e chiedendo che persone importanti nell'industria della moda francese venissero inviate in Germania per fondare lì una scuola di sartoria.
 Ma la moda francese non era solo importante dal punto di vista economico, era anche  una parte vitale dell'identità culturale nazionale francese.
 I designer francesi, quindi, resistettero ai piani del regime nazista; Lucien Lelong, presidente della Chambre Syndicale de la Couture Parisienne , dichiarò: "È a Parigi o non è da nessuna parte".

 Un lavoratore di Reboux, uno dei più grandi cappellai di Parigi , in seguito disse dell'atteggiamento dell'industria della moda durante l'occupazione tedesca:
"Indossavamo cappelli larghi per sollevarci il morale. Il feltro non si trovava più, quindi li abbiamo fatti di chiffon. Lo chiffon scarseggia, va bene, usiamo la paglia. Niente più paglia? Molto bene, c'è la carta intrecciata ....
 I cappelli sono stati una sorta di contesa tra l'immaginazione francese e la regolamentazione tedesca .... Non saremmo mai sembrati sciatti e logori; dopo tutto, eravamo Parisiennes ".

Dopo la liberazione di Parigi, nella ricerca di risorse, di progetti e di idee per la ricostruzione della città, Robert Ricci (figlio della famosa stilista Nina Ricci), ebbe la fantastica idea di creare un Teatro della Moda, ovvero dei piccoli manichini vestiti con gli ultimi modelli realizzati dalle migliori case di moda francese, da mandare in giro per l’ Europa e l’ America in modo da mostrare al mondo che l’industria della moda francese era ancora forte e che avrebbe continuato a dettare le regole.











 Tutti i materiali erano scarsi alla fine della guerra, e Ricci propose di usare manichini in miniatura, o bambole di moda , per rispondere all'esigenza di risparmiare tessuti, pelle, pelliccia e così via. 
Circa 60 couturier parigini tra cui Nina Ricci, Balenciaga, Germaine Lecomte, Hermès, Jeanne Lanvin, Pierre Balmain, Patou, Lucien LeLong ( per cui lavorava Dior) e Schiapparelli si unirono e si offrirono volontari  per creare abiti in miniatura in nuovi stili per la mostra, utilizzando ritagli e materiali di scarto. I modisti creavano cappelli in miniatura, i parrucchieri davano ai manichini acconciature individuali e gioiellieri come  Van Cleef & Arpels e Cartier contribuirono con piccole collane e accessori. Alcune cucitrici realizzarono persino  indumenti intimi in miniatura da far indossare alle bambole sotto gli abitini.



















La storica Lorraine McConaghy sottolinea il livello di dettaglio nell'abbigliamento:
"La meticolosa attenzione ai dettagli è così sorprendente ... I bottoni sono davvero bottoni, le cerniere sono vere lampo. Le borse hanno all'interno piccole cose -  portafogli, accessori per il trucco, eccetera - al loro interno". 


 Il difficile compito di disegnare i manichini fu dato all’illustratrice Eliane Bonabel, essi dovevano essere tutti della stessa dimensione (27 pollici) in modo di unificare l’esibizione, dovevano essere resistenti, e soprattutto non dovevano distrarre l’attenzione del pubblico dagli abiti indossati. La scelta del materiale ricadde sul filo metallico che era un materiale povero ma di facile reperibilità, malleabile e che si prestava benissimo al suo compito. I manichini furono costruiti dall’artista Jean Saint-Martin e lo scultore Jean Rebull modellò le loro delicate teste.




Una volta completato il lavoro,  il Théâtre de la Mode  divenne una mostra itinerante di 237 statuette a grandezza di bambola in 15 elaborati set creati da artisti come J
ean Cocteau, Christian Berard, Jean Saint-Martin, Georges Wakhevitch e Jean Denis Malcles.

Fu inaugurato al Louvre di Parigi il 28 marzo 1945 ed ebbe un enorme successo, attirando 100.000 visitatori e raccogliendo un milione di franchi per gli aiuti di guerra. Con il successo della mostra a Parigi, il Théâtre de la Mode andò poi in tournée in Europa, con spettacoli a Londra, Leeds, Barcellona, ​​Stoccolma, Copenaghen e Vienna. 
  Dopo aver girato l'Europa nel 1945, i manichini furono dotati di nuovi abiti progettati per la stagione del 1946 e la mostra viaggiò negli Stati Uniti, dove fu esposta a New York City e San Francisco.  Dopo lo spettacolo finale, i manichini ormai semidistrutti, vennero lasciati a San Francisco, mentre i gioielli vennero riportati a Parigi. 




Il  Maryhill Museum of Art negli Stati Uniti acquistò i manichini nel 1952 attraverso una donazione della protettrice d'arte  Alma de Bretteville Spreckels. I set originali che accompagnavano le bambole,  andarono persi prima che Maryhill acquisisse la mostra. Nel 1988, il  Musée de la Mode et du Textile di Parigi ha intrapreso un ampio restauro dei manichini e ha ricreato scrupolosamente i set. L' de la Mode Théâtre espone ancora al Maryhill Museum of Art ruotando le selezioni della serie completa di manichini e set.
Alla fine degli anni '80, il designer Billy Boy organizzò un simile tour espositivo Le Nouveau Théâtre de la Mode (Nuovo teatro della moda) sponsorizzato da Mattel con le bambole Barbie vestite da stilisti contemporanei.






Nessun commento:

Posta un commento