domenica 16 febbraio 2014

Stourhead

Va da sé che non tutti i grandi giardini d'Inghilterra sono necessariamente giardini "all'inglese", con siepi elegantemente scolpite e bordure traboccanti di fiori.
A volte è la dimora che sorge al centro della tenuta che determina le caratteristiche  del giardino e del parco che la circondano, così da creare un ambiente gradevolmente armonioso.
E' il caso di Stourhead , una vasta tenuta nel Wilthshire, appartenuta per più di 500 anni alla famiglia dei baroni di Stourton, successivamente venduta ad altri proprietari ed entrata a far parte del National Trust nel 1946, dopo che l'ultimo proprietario, Henry Hugh Arthur Hoare, perse il suo unico figlio ed erede durante la seconda guerra mondiale.
La tenuta comprende la Villa palladiana, il villaggio di Stourton, una fattoria, i giardini e il bosco.
La villa palladiana fu costruita tra il 1721 e il 1725 sulla precedente costruzione e la progettazione dei giardini e del parco fu affidata ad architetti paesaggisti e giardinieri di grande fama ed esperienza. Il gusto neoclassico si ritrova anche nei tre tempietti costruiti nella proprietà.
Nella tenuta c'è anche un grande lago artificiale, con un sentiero che lo percorre tutto attorno, progettato com un ideale viaggio di Enea negli Inferi. Più che i fiori in questa tenuta sono gli alberi ad essere protagonisti. Di specie provenienti da tutto il mondo, in autunno si accendono di mille colori.





















3 commenti:

  1. bello...mi sa tanto di Delly....

    RispondiElimina
  2. Un parco splendido per farci delle passeggiate. Magari insieme a un libro.

    RispondiElimina
  3. bei viaggi nel verde e tra i fiori,come sempre nei tuoi articoli!

    RispondiElimina