domenica 17 marzo 2019

Cornello dei Tasso

E' domenica e febbraio ci sta regalando un anticipo di primavera con una giornata perfetta, una di quelle con il cielo azzurro e i contorni precisi, insomma una di quelle che ti invitano ad uscire per andare in cerca di qualcosa di bello e di nuovo...o di vecchio, preferibilmente molto vecchio, come è appunto Cornello dei Tasso.



Siamo in Valle Brembana a pochi kilometri da Bergamo.
Cornello è un antico borgo medievale arroccato su uno sperone roccioso  a picco sul fiume Brembo.
Già nel XIV secolo in questo borgo si teneva l'unico mercato della Valle Brembana: qui i mercanti con i loro cavalli e i loro muli si fermavano per lo scambio delle merci, per riposare e per raggiungere altre località, a monte e a valle. Cornello si trovava appunto su una via mercatorum, uno di quei tracciati che erano fondamentali non solo per mettere in contatto gli abitanti delle piccole comunità di montagna , ma consentivano di raggiungere mete ben più lontane.





































La struttura degli edifici fa supporre che in epoca medievale Cornello , oltre che centro di commercio e traffici, abbia avuto anche una funzione difensiva , vista la presenza  di edifici a strapiombo sul fiume sottostante.



























Il borgo si sviluppa su livelli diversi, dal basso verso l'alto, dall'ingresso fino alla chiesa sul piano culminante.
















La Chiesa, intitolata ai santi Cornelio e Cipriano, risale probabilmente al XII-XIII secolo come testimoniano alcuni affreschi, ma fu radicalmente modificata nel Quattrocento con l'aggiunta di nuovi affreschi alle pareti.

















Camminare oggi per le strade di questo antico borgo è un'esperienza rilassante, vuoi perché è una bella giornata di sole, la temperatura è mite, l'aria pulita, o forse  perché non ci sono rumori e i visitatori sono così rari che quando ci si incrocia , ci si scambia un saluto, proprio come è consuetudine fare sui sentieri di montagna.

Ma la vera grande sorpresa della giornata per me è stata il piccolo museo del borgo, il Museo dei Tasso




La famiglia Tasso è conosciuta dai più , anche a Bergamo, per il grande poeta Torquato Tasso e per il suo poema La Gerusalemme liberata.
Varcando  la soglia di questo piccolissimo museo e osservando la parete su cui è rappresentato l'albero genealogico della famiglia, si comprende come la sua potenza sia dovuta in realtà ad alcuni dei suoi esponenti che si distinsero in campo imprenditoriale come fondatori delle moderne comunicazioni postali.

Come spiegato nel manuale che mi sono affrettata a comprare all'interno del museo :

"Originari del Cornello, i vari rami del casato svolsero dapprima un ruolo importante all'interno della Compagnia dei Corrieri della Serenissima che curava i collegamenti sulle linee Venezia-Milano e Venezia-Roma, quindi furono per quasi un secolo i corrieri dello Stato Pontificio e nel Cinquecento divennero mastri generali delle poste dell'Impero  Asburgico, creando una fitta rete di collegamenti tra centinaia di città europee e dando vita ad un'impresa che in breve raggiunse i vertici del potere finanziario, garantendo ai suoi esponenti onori, privilegi e blasoni. Conosciuti all'estero come Thurn Und Taxis, gli esponenti del ramo principale ottennero dagli imperatori il titolo principesco e nell'Ottocento furono tra i primi ad emettere francobolli negli stati soggetti alla loro amministrazione postale."


Dell'antico edificio fortificato dei Tasso del Cornello oggi rimangono solo le fondamenta e un arco che conferisce  nobiltà e dignità alle rovine.





Il Museo è ubicato in diversi edifici, non lontani l'uno dall'altro. Nella prima sala sono raccolti i ritratti di alcuni dei personaggi più importanti di questa incredibile attività, che avrebbe molto da insegnare per efficienza all'attuale gestione del settore nel nostro Paese, oltre a documenti postali, guide per i viaggiatori e altre testimonianze di grande valore storico.
















La necessità di trasmettere informazioni da un luogo all'altro esisteva già nell'antichità e in tal senso si erano adoperati i Persiani, gli Egizi, i Romani, i Cinesi, ovviamente con qualche difficoltà organizzativa in più rispetto all'epoca moderna, in cui le notizie viaggiano in tempo reale.

Al piano superiore si racconta l'organizzazione del servizio postale, che comportava l'uso di cavalli, diligenze, stazioni di posta per i lunghi tragitti, trasformati poi in vere e proprie locande per la sosta dei viaggiatori.
















In questo edificio invece il museo riserva uno spazio dedicato al ramo dei Tasso che più da vicino interessa la città di Bergamo con esposizione di esemplari antichi della Gerusalemme Liberata e altre opere letterarie.















C'è un proverbio che dice "il vino buono sta dentro la botte piccola" che sembra calzare a pennello con questo borgo, che pur nella sua semplicità, è custode di piccoli tesori.







venerdì 15 marzo 2019

David Hettinger artista della lettura

Leggo qui:https://luoghidautore.com/2018/06/18/raccontare-la-lettura-nei-quadri-larte-di-david-hettinger/:
Sono emozionanti i quadri di David Hettinger, affermato artista americano nato nel 1946 nella città di Aurora, in Illinois. Chi non vorrebbe essere circondato dai suoi quadri, dalle situazioni di lettura che propone? Immagini intense, luminose, vivide, che colgono attimi di riflessione, sguardi, momenti di intima verità fra le persone, delle persone. Come spiega l’Artista, nel dipingere il suo scopo è cogliere relazioni, momenti, a volte richiamando alla memoria delle sensazioni provate in passato. I momenti dedicati alla lettura devono essere particolarmente avvertiti da David Hettinger, considerando l’incredibile numero di quadri ispirati ai libri.
Non c’è molto da aggiungere. I suoi dipinti non hanno certo bisogno di parole.