mercoledì 18 febbraio 2015

Maria Soffiantini Cenci 2

Ogni tanto una buona notizia! Qualche tempo fa una nipote dell'illustratrice, Giulia, mi ha lasciato un messaggio sul blog, proprio qui: http://ilclandimariapia.blogspot.it/2012/04/maria-cenci-soffiantini.html.
 Dopo un breve carteggio, mi ha fatto pervenire delle notizie di sua nonna, tramite sua sorella, Francesca. Le due ragazze sono figlie di Francesco Cenci, uno degli otto figli dell'illustratrice.
Dal commento scritto dalle nipoti, ho ritenuto che  fossero due ragazzine, poi, ho fatto qualche calcolo e mi sono resa conto che probabilmente, invece, dovrebbero essere due signore, non della mia età, ma ...quasi. Mia nonna era del 1904, la loro è del 1905.....i conti sono presto fatti: difficile che Giulia e Francesca abbiano 20 anni come pensavo io! Eppure la freschezza dei loro scritti denota un animo giovane e sereno: complimenti, le ragazze devono aver preso dalla nonna!!!
Allego quello che il figlio mi scrive e poi condivido uno dei libri che ho comprato di recente: è sempre bello sfogliare pagine così delicate.
Ecco qui le notizie ricevute:



Maria Soffiantini
Nacque a Gorizia, all’epoca sotto l’impero Austro-Ungarico, il 14 Dicembre 1905; dopo  le scuole professionali a Badia Polesine (RO) collaborò con il padre Battista, direttore di un istituto di formazione al lavoro per i fanciulli e noto propagandista cattolico, perfezionò la preparazione artistica presso l’Istituto d’Arte “Beato Angelico” in Milano. Conobbe Padre Agostino Gemelli, fondatore dell’Università Cattolica, pubblicando serie di immagini – cartoline, in parte a sostegno di quelle facoltà universitarie, altre, spesso commentate dalla poetessa Luisa Nason, a tema prevalentemente religioso e patriottico.
Sposatasi nel 1936 con il giornalista e poeta cattolico Paolo Cenci visse dapprima a Ostia – Lido (RM) poi, dal 1941 a Monza; fu madre di otto figli, traendo dall’esperienza famigliare ispirazione per l’intensa produzione di libri per l’infanzia. Apprezzata dalla fondatrice Armida Barelli, illustrò per decenni, con sensibilità educativa, i periodici: “Squilli d’innocenza” ed “In cammino piccolissime” dedicati alle aderenti all’Azione Cattolica femminile.
Collaborò con importanti case editrici quali: Sales di Roma, Everest, Vita e Pensiero di Milano, Unione Editoriale di Milano, Libreria Vismara di Monza, Ancora, Garzanti, Fabbri, la Scuola di Brescia e le Paoline. Illustrò testi per le scuole elementari tra i quali : “Occhi Ridenti”, “Per la Gioia dei Piccoli”, “Il cestello”, “Fantasie”; collaborando anche con autrici quali Genoveffa Liverani di Genova e Filomena Ermini di Macerata. Si ricordano tra titoli, molti dei quali con testi propri: “Topicca”, Cuffietta Rossa e Cappucccetto Blu”, “Basta Capricci”; “Con la piccola Adelaide alle Ghiaie di Bonate” ed “I tre pastorelli a Fatima” su cronache e racconto di Paolo Cenci.
Ed ancora disegnò per “Le fiabe della nonna” pubblicate dall’Istituto Missionario Sacro Cuore di Monza, nonché libri abbecedari ed il manuale per insegnanti: “Girotondo di giochi e canzoni”. Chiuse la propria produzione artistica illustrando la vita di S. Rosa da Viterbo per il testo critico-storico “Rosa eroica giovinetta santa” (1968) e, per ragazzi “Breve narrazione della vita di S. Rosa” (1971), scritti dal marito Paolo Cenci. Morì a Cortona, ove si era trasferita dal 1965, il 25 Marzo 1993.






ed ecco qui un libro:








































Chissà che col tempo non riusciamo a sapere qualcosa anche degli altri illustratori che ci interessano!!

6 commenti:

  1. Bellissimo! Questa biografia inedita che nasce dal carteggio coi parenti prossimi dell'illustratrice è proprio nello spirito del nostro clan. E' quello che vorremmo anche per le altre autrici (e autori) che ci sono cari. Speriamo, speriamo.
    Lilia

    RispondiElimina
  2. È arrivato il mio commento? Mi perdo nella procedura

    RispondiElimina
  3. Non era pubblicato ! Dunque riassumendo ....dicevo che siamo diventati più forniti di una Biblioteca ...Che bello aver trovato quello che da tempo abbiamo cercato! Evviva ! Mi liscio le piume per far parte 'indegnamente'di questo grande gruppo operoso e originale

    RispondiElimina
  4. Finalmente l'ho trovata! Maria Cenci Soffiantini! Conservo ancora con grande amore un libretto che mio papà Mansueto, pur avendo frequentato solo la Terza Elementare, aveva acquistato il Primo Gennaio 1959 con i suoi risparmi di giovane minatore in Svizzera, dal titolo "Tre pastorell ia Fatima", Libreria Vismara di Sesto San Giovanni. Lo teneva nel suo baule dei libri, insieme a tanti altri, antichi, che aveva trovato negli anni della giovinezza in Svizzera. Quel libricino color carta da zucchero me lo sono letto e riletto e riletto mille volte da bambina. E ora che i due fratellini Francesco e Giacinta Marto sono stati dichiarati Santi da Papa Francesco, mi rendo davvero conto della devozione di mio papà, quando i tre bambini erano ancora sconosciuti e quasi derisi dal mondo. Grazie a Maria Cenci Soffiantini per avermi regalato l'infanzia e la Fede.
    Vorrei aggiungere la foto della copertina. Aurora Cantini, Amora di Aviatico (Bergamo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Aurora, se sei in grado di scannerizzare la copertina del tuo libro e, se ci sono altre illustrazioni, anche tutto il libro, puoi mandarmele all'indirizzo email adelegelfi@gmail.com. Nel caso del libro intero Angelo potrebbe farne una pps che ti manderei. Ti manderei anche altro, se avessi la tua mail....io sono di Bergamo e una mia nipotina si chiama Aurora!
      Ci segui su facebook? Nel gruppo il clan di Mariapia. Pubblichiamo moltissimi libri e illustrazioni! Ciao

      Elimina