giovedì 1 dicembre 2016

journaling art

Una serie di immagini su pinterest ha attirato la mia curiosità: si tratta di agende piene di immagini e scritte decisamente belle da vedere. Ma...che cosa sono? mi chiedo. Sotto un paio c'è scritto: art book. Penso allo scrap booking, ma mi pare ci sia una certa differenza, finchè non scopro che si tratta di Journaling, che è diventato, in America, una forma di arte vera e propria, riconosciuta ed affermata: la journaling art.
In parole semplici il journaling è lo scrivere un diario, ma in questo caso viene fatto non solo tramite la scrittura dei pensieri, ma anche tramite collage, disegni, fotografie e quant'altro, il tutto in piena libertà espressiva.
Questa forma di espressione è altamente incoraggiata nella cura di vari tipi di disagio e sofferenza psichica. Si chiede ai pazienti di trovare il tempo durante la giornata, per fare un po' di introspezione e per scrivere i vari sentimenti che si provano e i pensieri che li accompagnano.
Questa pratica aiuta a stare bene e a ridurre lo stress, a focalizzare i propri problemi, a riconoscere sentimenti profondi che spesso non si vogliono affrontare, a prendere atto dei propri difetti, dei propri errori, ma anche delle proprie qualità e delle proprie conquiste.Si dovrebbe imparare ad accettare se stessi e, forse, a volersi bene.
Inibire i propri sentimenti è sicuramente fonte di stress, il manifestarli, quindi, non può che essere positivo nell' allontanare depressione e ansia.
In linea di massima sono d'accordo con questa interpretazione del diario. Quello che mi lascia perplessa è il fatto che pensieri intimi e difficilmente tirati fuori dal profondo, diventino patrimonio comune come opera d'arte. Quel riconoscere se stessi così faticoso e spesso doloroso, può diventare pubblico?  Dove va a finire la privacy?
Allora credo che, forse, le opere che seguono siano un'imitazione del journaling vero e proprio, che siano una nuova forma artistica a sè stante, costruita e non spontanea. Il che nulla toglie alla sua particolarità e alla sua bellezza.



































Mi piacerebbe molto avere fantasia e manualità per creare qualcosa del genere!Farei dei bellissimi diari di viaggio, ogni volta che parto!
Ho visto che vendono anche dei libri che insegnano come fare un diario del genere, ma sono convinta che la fantasia non si impara...







Nessun commento:

Posta un commento