martedì 24 giugno 2014

Il menù

Tra i vari tipi di collezioni cartacee, una molto simpatica è la collezione dei menù. Menù particolari, per occasioni speciali, o semplicemente decorati in maniera fuori dall'ordinario.




Ma cos'è il menù? e soprattutto, quale è la sua storia? Vediamo che dice wiki:

La parola menu è attestata per la prima volta in francese nel 1761. Essa indicava la lista delle vivande servite in un pranzo alla corte di un sovrano o di un grande nobile.

La traduzione italiana "minuta" venne usata fino alla Unità d'Italia.




A metà ottocento, con l'affermarsi del servizio "alla russa" ( quello dove lo chef prepara le vivande su un tavolino accanto al commensale e lo serve direttamente) tipico della società borghese, si diffuse l'abitudine di far trovare accanto al posto a tavola di ogni commensale un cartoncino a mano o a stampa con la lista delle portate che sarebbero state servite. È in quest'epoca che in Italia si iniziò ad usare la parola "menu". Si deve tuttavia notare che fino alla fine dell'ottocento tutto il menu era abitualmente scritto in francese.




Negli ultimi decenni dello stesso secolo sorsero molti grandi ristoranti e grandi alberghi, anch'essi destinati principalmente alla borghesia. Con essi nacque l'uso della carta, che deriva da quello del menu dei pranzi borghesi. Nel corso del novecento la carta si diffuse gradualmente fino ai livelli più semplici della ristorazione.





Nell'ultimo decennio dell'Ottocento e nella prima metà del novecento avvenne un'inversione di tendenza linguistica: i menu erano ormai scritti normalmente in italiano. E perciò si sentì l'esigenza di chiamarli con nomi italiani, quali "nota", "distinta" o "lista delle vivande".

Nel dopoguerra si affermò definitivamente la parola "menu", con o senza accento, per indicare indifferentemente la sequenza delle portate di un pasto, la carta di un ristorante o infine il menu fisso a prezzo conveniente.
Ecco alcuni menù da collezione, purtroppo la qualità delle immagini è scadente :




















































































































Nessun commento:

Posta un commento