mercoledì 13 giugno 2012

Nel boschetto con Mariapia

Ricevo da Lilia questo articolo interessante:


NEL  BOSCHETTO CON MARIAPIA
 La primavera inoltrata sta ormai lasciando il posto all’estate, è il momento giusto per fare una passeggiata nel bosco. E’ un boschetto tranquillo, un boschetto domestico, quello  che ognuno vorrebbe trovare nei pressi di casa.

Sono belli e maestosi gli alberi vestiti di nuovo! La quercia ospita tra i rami frondosi nuovi nidi d’uccelli e nasconde tra le radici la tana del riccio, il tiglio diffonde nell’aria del mattino il dolce profumo dei suoi fiori, il faggio ha allargato l’ampia chioma a cupola per proteggere i funghetti nati ai suoi piedi, l’amico castagno si va coprendo di piccoli globi verdi e spinosi, promessa di un abbondante raccolto .

L’aria è così dolce, il cielo è così terso che, passeggiando nel boschetto, potresti giurare di aver visto gli animaletti di Mariapia muoversi tra gli alberi e dileguarsi nel sottobosco. Ad ogni passo, è possibile che un musetto curioso spunti tra l’erba, da quel faggio potrebbe uscire danzando la fatina dei fiori e non è escluso che un genietto s’affacci ammiccando dalle fenditure del castagno antico.

Durante la primavera, il tenero verde degli alberi ha lasciato penetrare luce e calore, così ora il sottobosco è un rigoglio di fiori, muschi, felci, licheni. Accanto ai fiorellini bianchi della fragola comincia già a maturare  qualche frutto rosso e rotondo


 Fiorellini di prato

Il primo sole primaverile aveva già fatto schiudere le primule e l’elleboro, aveva destato la talpa, il riccio, lo scoiattolo. Il ghiro è stato l’ultimo ad alzarsi, ma piano, piano, con calma.

 I genietti del bosco

Poi si sono aperte le pratoline. Mariapia ci racconta la loro leggenda

 La leggenda delle pratoline

Quando ancora la coroncina delle pratoline era tutta bianca, la Madonna venne nel bosco per benedire i fiorellini.

 La leggenda delle pratoline

Le pratoline, distratte dai loro giochi e dalle loro canzoncine, si attardarono e quando infine giunsero, la Madonna era già passata.

Di vergogna, tutte in schiera,
arrossirono quel dì
e d’allora a Primavera
rifioriscono così!




 La leggenda delle pratoline

Già col primo timido sole un laborioso fermento attraversa il boschetto. Si costruiscono nuovi nidi e si riparano i vecchi



 I genietti del bosco

Sotto le radici degli alberi si snodano le lunghe gallerie che hanno offerto agli animaletti un caldo rifugio durante l’inverno. Ecco uscir fuori la talpa dormigliona che si aggiusta gli occhiali compiaciuta: ah, anche le viole sono sbocciate!
 I 12 mesi

Un bel mattino, ai piedi del castagno, due rosse testoline han fatto capolino tra le foglie e l’erbetta.

 I due funghetti

Nel boschetto, all’improvviso
sbucan tutti gli abitanti:
con un trillo od un sorriso
si avvicinano festanti

Benvenuti! Benvenuti!
Cocchi belli appena nati!
Tra una ridda di saluti
i due vengon festeggiati.


 I due funghetti

C’è pure la chiocciola, bellissima, che va a spasso con la sua borsetta e il suo foulard.

 I due funghetti

Anche la coccinella osserva ammirata dondolandosi leggera sullo stelo del mughetto


 I due funghetti

Purtroppo, la bella giornata di sole si guasta perché scoppia un temporale improvviso e, per giunta, un ovolino viene dichiarato matto! L’acquazzone vien giù violento , ma nel boschetto c’è un nuovo motivo per far festa; la pioggia ha disteso il cappello dei fratelli Fungolini: ora si vede ben che entrambi sono sani!

Dopo la pioggia, nella radura riscaldata da un tiepido sole, le farfalle dispiegano le loro ali,  gli insetti rassettano gli abiti della festa lisciandoli con le zampette; pare che fiori e foglie siano stati ridipinti con smaglianti colori da un genio benefico

 La fatina dei fiori

Ed ora il buon Genietto
è in visita al boschetto.
Non può sentirsi solo:
ovunque un trillo, un volo.

Guarda che fioritura!
La fragola è matura!
I fiori son sbocciati
splendidi e profumati!



Tutti si preparano a festeggiare fatina Primavera che sostituisce la Madonna nel ruolo di madrina dei fiori

La rosa superba

Avete notato che nelle tavole delle nostre illustratrici, dopo una prima fase che include essenzialmente personaggi della pietà cristiana, subentrano entità che appartengono ad una tradizione più antica? Fate e genietti  emergono dal substrato delle credenze popolari. Per la Bohatta erano gli elfi e gli gnomi delle antiche religioni germaniche; per Mariapia sono il “genius loci” e le ninfe delle vecchie religioni italiche. Non sono rare da noi leggende che narrano di veli fluttuanti o di panni stesi ad asciugare dalle fate. Oppure culti di madonne (del Faggio, dell’Acero) apparse nella cornice d’un tronco d’albero, eco in realtà di antiche creature silvestri.

Poco lontano dagli arbusti di nocciolo,  Scoiattolino  alloggia in una cavità che si apre in alto, nel tronco della vecchia quercia. Il dormiglione sta ancora ronfando anche se il sole è già alto da un pezzo. 

Scoiattolino e la sua coda

Lo scorso autunno Scoiattolino ha immagazzinato nella sua dispensa una grande quantità di nocciole e di ghiande, di noci e di faggiole e ha potuto dormire sonni tranquilli per tutto il lungo inverno.


 Natale nel bosco

Più in basso, tra radici contorte ricoperte di muschio e licheni, si nasconde una porticina ad arco che chiude la casetta dei leprotti. Mamma Lepre è sempre un po’ in ansia quando i figlioletti son fuori di casa perché nei dintorni s’aggira la volpe. La furbona ha rubato la tana al tasso e vi si è installata coi suoi piccoli.


Scoiattolino e la sua coda

Oh Scoiattolo! Buon giorno!
C’è una volpe, sai, qui attorno
Chi l’ha vista dice che
Ha un codone al par di te!

La casa dei leprotti è confortevole perché Mamma la tiene sempre ben ordinata; approfitta della buona stagione per far pulizia a fondo e liberarsi delle cose vecchie


 L’oca giuliva

La formica non è da meno: spazza e rassetta la sua casetta senza mai stancarsi; ora sta preparando la colazione per la sua numerosa figliolanza.

 L’oca giuliva

Dai cespugli di acacia carichi di fiori proviene un ronzio; l’ape è in cerca di nettare e potrà fare un buon bottino. Purchè non si lasci distrarre dai divertimenti dimenticando il lavoro! Come fece l’Ape indisciplinata che venne cacciata senza pietà dalla regina perché aveva fatto ritorno all’alveare a mani vuote. Oggi non insegneremmo questa morale ai bambini: abbiamo il cuore tenero e ci sembra troppo crudele! Ma negli anni Cinquanta andava così.

 L’ape indisciplinata

Dalle siepi di rovo e biancospino si alza il tintillante cinguettio del pettirosso che ha passato tutta la lunga e difficile invernata affrontando mille difficoltà, tra il gelo e la neve.


Il pettirosso

Ormai si sono schiuse le uova degli uccelletti e per mamma e papà è tutto un volare, un affannarsi per portare i vermetti ai piccoli che aspettano pigolando, col becco perennemente spalancato, nei nidi nascosti in alto nel verde, fin dove cresce l’edera e s’avviluppa il convolvolo.

 Bruchetto Pirì

Una minuscola fata s’è assopita nella corolla della rosa canina e si lascia cullare dalla brezza.

 La fatina Gocciadoro

Purtroppo, con la bella stagione prosperano anche gli insetti nocivi. I maggiolini han deciso di  banchettare con le foglie ancora tenere


 I genietti del bosco

Tutti gli alberi che spogli
nell’inverno sono stati
or di teneri germogli
riccamente sono ornati.

Ma insolenti maggiolini,
passeggiando in mezzo ai rami
si diverton, coi dentini
sulle foglie a far ricami

In mezzo alle fronde gli uccelli si danno allora convegno. Fra trilli e cinguettii prendono gli ultimi accordi per muovere guerra ai parassiti delle piante


Guerra agli insetti

All’ombra del salice s’allarga uno stagno circondato dai canneti. La luce si riflette sullo specchio d’acqua mentre  la brezza che muove le stiance sospinge  una barchetta improvvisata. Il genietto accoccolato sulla ninfea va ispezionando il fondo melmoso per allontanare le larve che rosicchiano le radici delle piante acquatiche.

 La fatina dei fiori

Lungo le rive del ruscello, dove crescono la menta e la saponaria, si sente uno sciaguattio. Intere famiglie di ranocchi nuotano e saltellano lì attorno. Ranocchietta ha appena lasciato lo stato di girino e, nello splendore della sua verde età, è lusingata di sentirsi corteggiata. Tutta insuperbita, respinge i suoi modesti pretendenti e proclama: ranocchi non voglio!



 Ranocchietta cerca uno sposo

Tenetelo a mente:
chi sposerà me
sarà solamente
o un principe o un re!


Salvo poi dover subire una cocente delusione e  tornare innamorata e pentita dal suo Verdello







Ranocchietta cerca uno sposo                                                                                    



Le storie illustrate da Mariapia col commento in versi di Jolanda Colombini hanno sempre una morale. Ne è un esempio La signora Brucatutto. Questo simpatico bruco è insoddisfatto del vestito col quale deve partecipare alla festa del boschetto. Perciò decide di rubarne uno alla libellula e si pavoneggia davanti allo specchio


 La signora bruca tutto

Specchio, specchio…dimmi il vero
Non ti sembro reginella?
Specchio, specchio…sii sincero
Non son forse la più bella?


Alla sera la musica di un concertino si diffonde nel boschetto insieme al profumo dei lillà in fiore.  E’ stato allestito un rinfresco con meravigliose pere bacate. Che prelibatezza!

 La signora bruca tutto

Brucatutto, tradita dalla sua ingordigia, si ritrova a scontare il misfatto con una potente indigestione. L’espressione del musetto è eloquente! Vi prego di notare la minuzia con cui viene rappresentato l’arredo della cameretta; c’è persino il vaso da notte sotto il letto.

La signora bruca tutto

Nella notte, tra i fiori del sambuco si sente un frusciare leggero. E’ il riccio che, a suo volta, si prepara con tutta la famiglia a partire a caccia di animali nocivi

 Guerra agli insetti

L’istrice, invece, che è sempre nervosa si è recata dal genietto erborista a chiedere un rimedio. In questa stagione comincia a fiorire la camomilla. Genietto ha una grande quantità di piante medicinali: la farfara contro la tosse, la piantaggine per il mal di gola, il dente di leone come antinfiammatorio, il tiglio contro la febbre.
 La fatina dei fiori

Sta arrivando l’estate e per i fiorellini è il momento più bello. Smaglianti nei loro vivi colori, si preparano tutti emozionati alla festa dei fiori. Ranuncolo, Papavero, Campanula e Margheritina si specchiano, si lisciano, s’agghindano





 La rosa superba

Coccinella cameriera
è al servizio della schiera.
Dammi questo, dammi quello!
Ogni fior vuol esser bello.



 La rosa superba



Ma ecco che Rosabella, splendida nel suo sontuoso vestito, avanza nel boschetto e tutta piena di superbia spinge da parte la modesta Margheritina. Verrà punita, perché la fata dei fiori consegnerà proprio al bianco fiorellino il premio destinato alla più bella.


 La rosa superba



L’immancabile morale ci dice che la festa deve essere un momento di condivisione e che nessuno deve prevaricare sugli altri. Ma c’è un ulteriore insegnamento: Margherita perdona e coinvolge nella gioia finale l’umiliata e vergognosa Rosabella.


 La rosa superba


Via non essere triste più
e con noi canta anche tu:
non c’è bella compagnia
senza pace ed armonia
Se vuoi lieto avere il cuore
non serbare mai rancore!

Larga la foglia stretta la via, dite la vostra che ho detto la mia.

7 commenti:

  1. che cosa si può dire di più o di meglio???perfetto cara Lilia, tutto davvero perfetto. Bravissima, come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sei sempre tanto affettuosa! Vedi, ho una passione per queste bestioline, per questi fiorellini e cerco di trsmetterla, a costo di annoiarvi

      Elimina
    2. Grazie, sei sempre tanto affettuosa! Vedi, ho una passione per questi fiorellini, per questi animaletti di Mariapia e cerco di trasmettervela, a costo di annoiarvi!

      Elimina
  2. Lilia ... stupenda celebrazione ! Ma qualcosina ancora su di lui non ci starebbe male . Non sia mai che il caro Baumghty ci resti male !!!!

    RispondiElimina
  3. Fritz? Ce ne sarebbe, volendo! E' uno degli illustratori più prolifici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora....preparaci qualcosa !!! Aspettiamo con ansia di leggerti....e non dimenticare i tuoi quadri!!

      Elimina
  4. noi aspettiamo sempre di leggere i tuoi scritti....ma che cosa vuol dire Dindi a proposito dei tuoi quadri????per caso tu dipingi? allora tutte le fate ti erano accanto quando sei nata.

    RispondiElimina