mercoledì 29 luglio 2020

Bacche estive

Dopo aver parlato,
qui: https://ilclandimariapia.blogspot.com/2020/01/le-bacche.html, delle bacche da utilizzare come decorazione, voglio parlare, adesso, delle bacche, cosiddette, che si mangiano volentieri in questa stagione. 




Alcuni di questi frutti sono chiamati impropriamente bacche, ma fa caldo e non ho voglia di sottilizzare...
Parliamo di quei piccoli frutti colorati, che rinfrescano solo a guardarli: mirtilli, more, fragole, ribes...i frutti di bosco, che possiamo raccogliere nelle nostre escursioni estive.

Bisogna stare molto attenti, però, perchè qualcuna di queste bacche, invece di essere ricca di elementi buoni per il nostro corpo, è tossica e se si vuole avere la soddisfazione di raccoglierle da sè, invece che di comperarle, bisogna saperle riconoscere. Come per i funghi! Infatti per ogni tipo di bacca salutare, ce n'è un'altra, che le assomiglia moltissimo, ma è velenosa.




Personalmente, quindi, eviterei di raccogliere frutti che possono essere confusi fra loro e mi orienterei su un buon negozio di fruttivendolo sia per acquistare bacche nostrane, che per quelle esotiche. Se poi fossi curiosa di sapori nuovi, potrei andare in erboristeria, per essere sicura di acquistare delle piccole bombe di benessere da inserire nella mia dieta.










Vado sul sicuro e mangio fragole, mirtilli, ribes e more. Normalmente sono tutti buonissimi semplicemente spolverizzati di zucchero e bagnati con succo di limone, o con vino bianco o rosso, ma tutti loro si prestano per la preparazione di dolci estivi e gelati.


































Non vi viene l'acquolina in bocca solo a guardarle?

Ricettina facilissima e d'effetto, oltre che strabuona:

Comperate al supermercato dei dischi di pan di Spagna già pronti.
Spalmate ogni strato con abbondante gelato alla vaniglia, o al gusto che preferite. Ricoprite ogni strato di gelato con frutta. Lasciate in frigorifero, in modo che il gelato si sciolga e penetri nel pan di Spagna e poi...via, all'assalto!

Nessun commento:

Posta un commento