martedì 29 novembre 2016

Il castello di Moritzburg

Come tutti gli altri paesi della vecchia Europa, anche la Germania conserva la ricca testimonianza di un passato e di uno stile di vita ormai lontani e non più ripetibili, che, forse proprio per questo, conserva e trasmette un fascino particolare.



Tra i numerosi castelli sparsi qua e là sul suo vasto territorio, oggi ci rechiamo in Sassonia per conoscere, non lontano da Dresda, il castello di Moritzburg.




Fatto costruire nel 1542 dal duca Moritz come casino di caccia in stile rinascimentale, nel 1723 fu affidato dal Principe Elettore Augusto il Forte, all'architetto Matthaus Daniel Poppelmann, perchè lo trasformasse in una residenza di divertimento e piacere in stile barocco, secondo il gusto dell'epoca.



Il castello, al quale si accede da un lungo viale lungo circa 5 kilometri , è circondato da un grande parco e sorge su un isolotto in mezzo ad un laghetto artificiale.
L'edificio è sorretto da quattro torri cilindriche ed  ha una facciata di color bianco e ocra, come  tutti i palazzi in stile barocco in Sassonia.





La scalinata e la terrazza del castello sono decorate da eleganti statue in arenaria.








Nel parco si trova la Fasanerie, un piccolo castello dei fagiani, recentemente restaurato,che oggi ospita un museo di ornitologia.





Negli arredi e nelle decorazioni  degli interni, il castello di Moritzburgh ripropone la sintesi della sua storia. Il tema venatorio in particolare è ricorrente tanto nei raffinati arazzi in pelle dipinta con scene di caccia, che rimandano spesso a Diana e alla mitologia greca, quanto nei numerosi palchi di cervi che decorano gli alti muri bianchi della sala da pranzo.




Davvero curiosa la Camera delle Piume, nella quale oltre due milioni di coloratissime piume di anatre, fagiani e pavoni fanno da corredo al sontuoso letto di Augusto il Forte.




Oggi il castello è visitato da numerosi turisti attratti dalla bellezza del luogo e dai numerosi eventi che vi si celebrano soprattutto nella stagione estiva.

Nessun commento:

Posta un commento